Perché l’80% delle persone dopo 3 anni dalla dieta pesa più di prima?

Annunci

“Ho provato di tutto, quella Chetogenica, quella Paleolitica, la Atkins ecc. ma niente, perdo peso e poi ne riprendo più di prima”.

fonte anonima

Riconoscete questa frase?

L’avete anche solo pensata qualche volta anche voi?

In questo articolo della rubrica stiledivitasano2.0, approfondiremo questo argomento, concentrandoci sui fattori che portano al ri-aumento di peso dopo una dieta. Seguici sui nostri canali social e rimani in contatto con la community! clicca per entrare nel gruppo fb greenstuff.blog/community

Annunci

Di diete il web ne è pieno, dalle più tradizionali alle più strane tutte promettono di far perdere peso, poi alcune mantengono la promessa, altre meno.

Non siamo qui oggi per decretare la miglior dieta da seguire, quella più indicata per perdere peso velocemente o quella più in voga al momento, vogliamo piuttosto analizzare il motivo per il quale moltissime persone dopo aver concluso una dieta con successo, si vedono rovinare il duro lavoro fatto per dimagrire nel giro di un annetto in media.

Partiamo dall’inizio.

La dieta inizia il lunedì

Premesso che la scelta della dieta non dovrebbe essere fatta dalla persona che deve iniziarla ma da un dietologo, che sviluppa una dieta specifica e personalizzata, la dieta si inizia il lunedì.

Molto spesso le diete rappresentano un vero stravolgimento nelle abitudini alimentari di chi le segue e questo aumenta il livello di stress.

Le abitudini sono dure a morire, anche quelle alimentari ecco perché si fa fatica.

Ma tu tieni duro, perché il tuo obiettivo è perdere quei salsicciotti ai fianchi che no! Non servono per rimanere in equilibrio.

I primi giorni sono quelli più duri, la sensazione di fame non ti molla nemmeno nei sogni quando dormi, chiudi gli occhi e ti ritrovi in una valle incantata dove gli alberi sono lecca lecca e i fiori caramelle gommose, ti lasci andare disboscando intere foreste che se ti vedesse il tuo dentista ti rincorrerebbe con la bombola del gas e l’aspiratore.

Mano a mano che i giorni passano, la tua determinazione raccoglie i primi frutti, qualche centimetro in meno, qualche chiletto perso e ti senti un supereroe! Allora continui con più forza di prima, anche perché stai cominciando ad abituarti a stare a stecchetto.

Un ultimo sprint finale e taaac. Dieta finita, chili di troppo persi e hai fatto veramente un ottimo lavoro!

Adesso, al contrario di quanto si possa pensare, sei nel momento più delicato di tutti.

Sindrome post dieta

Quando si finisce la dieta sono due i possibili scenari:

  • continui a mangiare sano e fai attività fisica (o solo mangiare sano);
  • bruci il foglio dove era rappresentato lo schema dei pasti e ritorni a mangiare come prima.

Se sembra quasi scontato che optando per la seconda nel giro di poco si ripreda tutto, non lo è invece per la prima opzione.

l’esperimento

(Abbiamo trovato nel web diverse notizie su questo esperimento, ma sfortunatamente non siamo riusciti a verificarne la fonte. Le teorie e le conclusioni su cui si basa comunque sono verificate da diversi studi e professionisti del settore. ndr).

La sindrome post dieta, è stata scoperta da un gruppo di ricercatori Australiani che hanno preso in esame 50 tra uomini e donne in evidente sovrappeso con un programma che mirava a seguire le persone fino ad un anno dopo la fine della dieta. Dopo 12 settimane dal suo inizio, tutti i partecipanti avevano perso più o meno 13 kg seguendo un programma misto che includeva anche attività fisica. Nella seconda fase, quella di mantenimento, i partecipanti seguirono un’alimentazione sana e continuarono con l’esercizio fisico.

Nonostante ciò alla fine di un anno più dell’80% dei partecipanti avevo ripreso in media 5kg.

I partecipanti dopo un anno risultavano essere ancora più ossessionati dal cibo rispetto a prima.

Hanno riscontrato in loro un livello di Grelina (ormone della fame) del 20% più alto rispetto all’inizio della dieta.

Quali sono stati i fattori che hanno determinato il nuovo aumento di peso peso dei partecipanti?

Una tra le possibili cause potrebbe sicuramente essere dovuta all’ossessione dal cibo che li affliggeva in modo ancora più forte rispetto all’inizio del programma, considerando che l’ormone della fame era il 20% in più. Ma cosa causava cosa? Era l’ossessione a scatenare o l’ormone o l’ormone a farlo con l’ossessione?

Una cosa sembra comunque dimostrata con un certo grado di sicurezza, dopo 3 anni circa l’80% delle persone pesa più di prima della dieta stessa.

Altri studi anche abbastanza noti hanno dimostrato che il problema dell’obesità è un problema che per il 70% ha una sua causa genetica, le persone con la predisposizione genetica ad ingrassare sintetizzano i grassi in maniera più rapida e con più facilità rispetto a persone che non ce l’hanno.

Questo è sicuramente un altro fattore che insieme a quello psicologico rende più difficile l’impresa di perdere peso e non riacquistarlo.

Annunci

Sconvolgere le abitudini aiuta a riprendere peso

Riprendere peso dopo un periodo di dieta e successivi sforzi per non vanificare il lavoro fatto è stata interpretata da molti come un meccanismo di difesa da parte dell’organismo, il metabolismo diretto ed alcuni ormoni ne sono i principali artefici.

Parliamo spesso di abitudini nel nostro blog anche in altre rubriche con altri argomenti, ne parliamo tanto perché le abitudini sono una potente arma che possiamo sfruttare o subire.

Le cattive abitudini possono anche in ambito alimentare possono essere corrette, ma va fatto gradatamente, strategicamente, una cattiva abitudine alla volta.

Stravolgere la propria vita sradicando abitudini che esistono magari anche da tempo in un colpo solo è pericoloso, causa stress e molto spesso non si fa altro che rinforzarle invece che migliorarle.

Al cambiare abitudini alimentari dall’oggi al domani quindi, anche se l’alimentazione non è proprio quella che si definirebbe salutare, si potrebbe preferire sostituire pian piano, piatto dopo piatto, un alimento “cattivo” con uno “buono”.

Doverosa da parte nostra la precisazione che quanto scritto nelle righe sopra è solo una naturale (a parer nostro) interpretazione di come si potrebbe alleviare lo stress da ossessione cibo, tenendo presente che ogni persona ha la propria storia e la propria condizione, quindi ci teniamo a precisare che nonostante possa sembrare logico, potrebbe non esserlo almeno per tutti. Il nostro consiglio è sempre quello di affidarsi ad un esperto nutrizionista che possa conoscervi a guidarvi in maniera personalizzata per quanto riguarda il percorso alimentare cosi come una psicologa professionista che possa aiutarvi nel percorso di diventare una persona che non ha più bisogno di diete per dimagrire, perché mangia bene, sano e fa’ attività fisica. Non perché debba partecipare alle olimpiadi ma semplicemente per il gusto di sentirsi in forma, attivo e Vivo.

Annunci

2 Replies to “Perché l’80% delle persone dopo 3 anni dalla dieta pesa più di prima?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...