Nella giornata del cuore parliamo di come preservarlo al meglio

Il cuore è il perno della circolazione sanguigna, il motore che consente di trasportare l’ossigeno in tutti i tessuti e organi del nostro corpo, inutile dire che dobbiamo prendercene cura.

Secondo l’OMS le malattie cardiovascolari sono la causa principale di morte a livello globale. Nel 2016 circa 17,9 milioni di persone sono decedute (parliamo del 31% dei decessi a livello mondiale) e di questi decessi, l’85% è dovuto a infarti e ictus.

La maggior parte delle malattie cardiovascolari può essere prevenuta eliminando comportamenti rischiosi come l’uso del tabacco, diete non sane, obesità e inattività fisica e consumo di alcolici, ma questo lo saprete tutti…

I cibi che fanno bene al cuore

Annunci

A chi non piace l’uva? Dolce e succosa, è anche una miniera di antiossidanti, vitamine, sali minerali e, udite udite, sostanze antinfiammatorie! (dati ricavati dal British Journal of Nutrition, settembre 2020)

L’infiammazione è un meccanismo di difesa del nostro corpo che permette di contrastare batteri, virus e tossine. Tuttavia, una volta eliminata la minaccia, se l’infiammazione non passa si crea una condizione di infiammazione cronica che a lungo andare può causare problemi cardiovascolari, depressione, diabete e tumori.

Ecco perché l’uva è così importante! Essa agisce su un particolare indicatore dell’infiammazione, la proteina C reattiva, che viene sintetizzata dal fegato ed è considerata uno dei marker più importanti per la valutazione del rischio cardiovascolare.

L’assunzione di uva e prodotti derivati (non il vino!) ha mostrato di ridurre in modo significativo i livelli di proteina C reattiva, riducendo anche la pressione sanguigna e migliorando la funzione dell’endotelio, ovvero il rivestimento dei vasi sanguigni e del cuore.

Un valido aiuto arriva anche dalle carote, come dimostrano diversi studi scientifici: nel 1995 un team australiano ha analizzato i benefici del succo di arance e carote, nel 2011 in America hanno studiato le capacità antiossidanti delle carote e nel 2018 in Cina si sono interessati invece all’effetto protettivo delle carote sul seno.

Tante ricerche per farci capire che le carote contengono proprietà antiossidanti, antitumorali, antinfiammatorie e protettive per il cuore. L’assunzione di succo d’arancia e carota una volta al giorno per tre settimane ha mostrato di prevenire l’ossidazione del colesterolo LDL, una delle principali cause di arteriosclerosi, nei fumatori.

Un ulteriore studio ha analizzato come l’assunzione di succo di carota una volta al giorno per tre mesi abbia ridotto la pressione sistolica, aumentato gli antiossidanti nel sangue e ridotto l’azione dei radicali liberi sul colesterolo LDL, proteggendo la salute del sistema cardiovascolare. Le carote riducono anche il rischio di sviluppare tumore alla prostata, allo stomaco e al seno.

Insomma gente, tutto questo per dirvi che vi vogliamo in salute e sempre più numerosi. Occhio al cuore!

Annunci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...