L’Universo esaurirà la sua energia?

Annunci

Oggi il nostro green-blog esce un po’ dai suoi canonici argomenti legati all’ambiente e al futuro, parlando si di futuro, ma in chiave Universo.

Sappiamo che l’Universo è in espansione, si sta raffreddando. Ci sono meno nascite di stelle rispetto a prima, infatti il processo di formazione stellare è adesso solo attorno al 3-5% rispetto al picco di 11 miliardi di anni fa’.

Unisciti alla nostra community di facebook, li troverai i nostri articoli freschi di giornata e tanti spunti di conversazione e riflessione tra i membri della nostra community. Cosa aspetti? clicca su greenstuff.blog/community, dì la tua e segui le nostre pagine social:

L’astrofisica continua anno dopo anno a fare studi e scoperte sensazionali rispetto all’Universo, ma ancora tantissimo è da scoprire.

Dopo il Big Ben, l’Universo era un posto caldo, denso e pieno di fermento. Nuove stelle nascevano molto velocemente e le collisioni erano all’ordine del giorno si potrebbe dire, anche se i giorni ancora non esistevano!

Dopo il Big Ben l’universo ha cominciato ad espandersi. Non ha mai fermato la sua corsa, anzi sta accelerando.

L’energia oscura è deputata come responsabile in questo processo di accelerazione e anche se non si sono scoperti minimamente i suoi più profondi segreti, sappiamo che l’energia oscura rappresenta circa il 68% dell’energia totale dell’Universo osservabile e, anche se ha una massa-energia molto inferiore alla massa ordinaria o alla materia oscura, domina comunque l’Universo per la sua uniformità nello spazio, questo vuol dire che anche se lo spazio si espande, la trama dell’energia oscura non si sfilaccia, rimane uniforme.

Facciamo un esempio, se riempiamo un barattolo di biglie, queste avranno un dato valore di densità all’interno del barattolo, ma se noi prendiamo queste biglie e le inseriamo in un barattolo più grande, noteremo che le biglie si posizioneranno in maniera differente, lasciando molto più spazio vuoto. Questo non accade all’energia oscura, che indipendentemente dalla grandezza dell’universo in espansione mantiene costante la sua uniformità come si può notare dal grafico sotto.

L’espansione dell’Universo è un fenomeno che gli esperti hanno attribuito all’energia oscura, che espandendosi si raffredda.

Continuando così sempre meno stelle si formeranno, e l’energia lentamente abbandonerà tutte le stelle, tutti i quasar, tutto, anche i buchi neri. Anche se ci vorranno miliardi e miliardi di anni ancora.

Questa è la previsione. L’universo finirà.

… A meno che…

Non si è riuscito ancora a capire molto dell’energia oscura, voglio dire, gli scienziati sanno che esiste, sanno che è li, ma non sanno se e come utilizzarla.

Se si prende come valore zero quello dell’energia oscura, allora si l’universo avrà una fine. Ma se si potesse trovare un valore più basso di energia rispetto a quella oscura? Mi spiego meglio…

L’energia si sprigiona quando un corpo al suo stato d’energia maggiore riesce ad accedere ad uno stato d’energia minore e quindi più “sostenibile” diciamo così, la differenza di energia tra il primo stato ed il secondo è l’energia che si libera.

Ora, tornando all’energia oscura a cui viene dato il valore minimo, la questione è questa:

Gli scienziati si stanno chiedendo se esistesse uno stato d’energia minore. Se così fosse sarebbe in teoria possibile, abbassare il livello energetico dell’energia oscura, riducendolo ad uno più piccolo ed ottenere la differenza come energia utilizzabile.

Questo secondo gli esperti potrebbe creare diversi scenari ancora sconosciuti, in generale si pensa che si potrebbe re-invertire il processo di allontanamento tra le galassie, facendo metaforicamente arrivare al giro di boa l’universo, e facendogli iniziare il processo inverso, che culminerebbe in un Big Ben al contrario.

Qui stiamo andando un po’ oltre la fantascienza lo so. Ma si sta parlando di questo in chiave solo teorica.

Lo studio dell’energia oscura riveste comunque un’importanza assoluta, perché potrebbero in teoria essere moltissimi gli sviluppi dati da questa conoscenza.

Fonte medium.com clicca qui per leggere l’articolo

Annunci
Ultimi Articoli

Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Cosa sarebbe Roma senza i suoi Pini? Quei Pini che hanno ispirato Ottorino Respighi nella composizione della sua opera che proprio ai Pini ha dedicato, “I Pini di Roma”. Quei Pini che il pittore Aleksander Gierymski ha immortalato nel suo quadro “I Pini di villa Borghese”. Ma perché parliamo oggi dei Pini di Roma? Noi … Continua a leggere Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Proprio in un articolo molto recente ho già espresso i miei pensieri e le mie perplessità sul Ministero della Transizione Ecologica, come sempre in questi casi mi auguro di avere torto, perché intraprendere la strada giusta è nettamente più importante che alimentare l’ego dicendo: ho ragione io. Continuo ad augurarmi di avere torto, continuo a … Continua a leggere Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Leggendo le ultime sul redivivo ponte, mi viene in mente la canzone di Venditti che faceva: Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano… Antonello Venditti Si perché evidentemente c’è qualcuno davvero innamorato della possibilità di fare questo ponte per collegare la Sicilia alla Calabria. Sarà l’amore per le infrastrutture, sarà l’amore … Continua a leggere Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Sono sincero, quando ho saputo che il nuovo governo Draghi ha sostituito il ministero dell’ambiente con quello della transizione Ecologica non ero molto contento, pensavo: perché cambiare nome ad un ministero? Sarà solo una trovata pubblicitaria! (Come se ne vedono oramai ovunque, #greenwashing ndr). Ma poi mi sono detto, deve pur esserci qualcosa di diverso! … Continua a leggere Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...