Il leopardo delle nevi a rischio estinzione, sarà la prossima vittima del riscaldamento globale?

Annunci

I cambiamenti climatici stanno modificando la faccia del pianeta e la vita al suo interno. Oggi vi parleremo del Leopardo delle nevi, una specie che negli ultimi 20 anni ha perso il 20% dei propri esemplari.

Unisciti alla nostra community di facebook, li troverai i nostri articoli freschi di giornata e tanti spunti di conversazione e riflessione tra i membri della nostra community. Cosa aspetti? clicca su greenstuff.blog/community, dì la tua e segui le nostre pagine social:

A lanciare l’allarme è il WWF, in occasione della giornata internazionale del Leopardo delle nevi, che cita alcuni dati di un recente studio della Berkeley University, pubblicato sulla rivista Biological Conservation: esistono infatti solo 4000 esemplari della specie, ed entro il 2070 solo un terzo dell’area del felino tibetano potrebbe resistere agli effetti del riscaldamento globale con un possibile calo della popolazione dell’82% in Nepal e dell’85% in Bhutan.

L’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN) classifica il felino come “vulnerabile” in quanto già gravemente minacciato dal bracconaggio e dal conflitto con le comunità locali, condizione che verrà accentuata dall’innalzamento delle temperature. Il caldo infatti metterà sempre più a rischio gli habitat aperti di alta montagna, regno di caccia del leopardo delle nevi.

Viene chiamato “il fantasma delle montagne” perché se ne sente parlare spesso nei racconti, ma raramente si ha occasione di vederlo, dato che abita paesaggi montani e aspri in alta quota, spesso oltre i 3000 metri. Gli esemplari sono distribuiti tra le alte montagne di Afghanistan, Bhutan, Cina, India, Kazakistan, Kyrgyzstan, Mongolia, Nepal, Pakistan, Russia, Tajikistan e Uzbekistan.

Il WWF rivela che dal 2008 sono stati uccisi ogni anno tra i 221 e i 450 esemplari e sottolinea come sia fondamentale cooperare con governi, associazioni animaliste e comunità locali per la salvaguardia di questo raro felino. Rishi Kumar Sharma, studioso di grandi felini nato in un piccolo villaggio dell’India, che da bambino sognava di incontrare lo splendido fantasma delle montagne, oggi è alla guida del programma globale di conservazione del leopardo delle nevi del Wwf: “la sua conservazione significa proteggere l’intero ecosistema in cui vive”.

Noi ci auguriamo che i loro sforzi per preservare la vita e l’habitat di questo bellissimo esemplare felino daranno i loro frutti, e ci auguriamo di sentir parlare di lui ancora per molto molto tempo.

Annunci

LATEST POSTS

Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Cosa sarebbe Roma senza i suoi Pini? Quei Pini che hanno ispirato Ottorino Respighi nella composizione della sua opera che proprio ai Pini ha dedicato, “I Pini di Roma”. Quei Pini che il pittore Aleksander Gierymski ha immortalato nel suo quadro “I Pini di villa Borghese”. Ma perché parliamo oggi dei Pini di Roma? Noi … Continua a leggere Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Proprio in un articolo molto recente ho già espresso i miei pensieri e le mie perplessità sul Ministero della Transizione Ecologica, come sempre in questi casi mi auguro di avere torto, perché intraprendere la strada giusta è nettamente più importante che alimentare l’ego dicendo: ho ragione io. Continuo ad augurarmi di avere torto, continuo a … Continua a leggere Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Leggendo le ultime sul redivivo ponte, mi viene in mente la canzone di Venditti che faceva: Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano… Antonello Venditti Si perché evidentemente c’è qualcuno davvero innamorato della possibilità di fare questo ponte per collegare la Sicilia alla Calabria. Sarà l’amore per le infrastrutture, sarà l’amore … Continua a leggere Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Sono sincero, quando ho saputo che il nuovo governo Draghi ha sostituito il ministero dell’ambiente con quello della transizione Ecologica non ero molto contento, pensavo: perché cambiare nome ad un ministero? Sarà solo una trovata pubblicitaria! (Come se ne vedono oramai ovunque, #greenwashing ndr). Ma poi mi sono detto, deve pur esserci qualcosa di diverso! … Continua a leggere Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...