L’oceano Atlantico mai così caldo da 3000 anni

Annunci

Nell’ultimo decennio l’Oceano Atlantico ha registrato le temperature più alte degli ultimi 3000 anni. Ce lo rivela uno studio dell’Universitá del Massachussets, pubblicato sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze (Pnas).

Unisciti alla nostra community di facebook, li troverai i nostri articoli freschi di giornata e tanti spunti di conversazione e riflessione tra i membri della nostra community. Cosa aspetti? clicca su greenstuff.blog/community, dì la tua e segui le nostre pagine social:

Analizzando i sedimenti del lago canadese South Sawtooth Lake, i ricercatori sono riusciti a ricostruire le variazioni della temperatura superficiale marina. L’indice usato si chiama AMV Atlantic Multidecadal Variability, che tenendo conto di come variano le temperature superficiali marine nel loro complesso, determina alcuni fenomeni climatici su più anni.

La variabilità nel nord Atlantico è molto lenta, con oscillazioni che possono andare da 10 a 40 anni, i ricercatori confermano che le oscillazioni vanno avanti almeno da 3000 anni, si tratta di una caratteristica del pianeta.

Annunci

Ma gli studiosi possono inoltre confermare che l’ultimo decennio è stato il più caldo mai registrato in un arco temporale così ampio, e le conseguenze sono tristemente note a tutti. Vi avevamo già parlato di come i disastri naturali sono quasi raddoppiati ultimi decenni, perché come è facile intuire l’intero ecosistema mondiale vive in un delicato equilibrio che stiamo perturbando oramai da più di 150 anni.

L’Atlantico infatti, oltre ad essere un oceano pieno di vita che sicuramente risentirà delle temperature più elevate dell’acqua, influenza e molto il clima di America ed Europa, ad esempio il clima mite della Gran Bretagna è dovuto proprio alla corrente Atlantica, cosa succederebbe perturbando questo periodo lo possiamo immaginare, non ce ne vuole poi così molta di immaginazione.

Annunci

ULTIMI ARTICOLI

Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Cosa sarebbe Roma senza i suoi Pini? Quei Pini che hanno ispirato Ottorino Respighi nella composizione della sua opera che proprio ai Pini ha dedicato, “I Pini di Roma”. Quei Pini che il pittore Aleksander Gierymski ha immortalato nel suo quadro “I Pini di villa Borghese”. Ma perché parliamo oggi dei Pini di Roma? Noi … Continua a leggere Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Proprio in un articolo molto recente ho già espresso i miei pensieri e le mie perplessità sul Ministero della Transizione Ecologica, come sempre in questi casi mi auguro di avere torto, perché intraprendere la strada giusta è nettamente più importante che alimentare l’ego dicendo: ho ragione io. Continuo ad augurarmi di avere torto, continuo a … Continua a leggere Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Leggendo le ultime sul redivivo ponte, mi viene in mente la canzone di Venditti che faceva: Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano… Antonello Venditti Si perché evidentemente c’è qualcuno davvero innamorato della possibilità di fare questo ponte per collegare la Sicilia alla Calabria. Sarà l’amore per le infrastrutture, sarà l’amore … Continua a leggere Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Sono sincero, quando ho saputo che il nuovo governo Draghi ha sostituito il ministero dell’ambiente con quello della transizione Ecologica non ero molto contento, pensavo: perché cambiare nome ad un ministero? Sarà solo una trovata pubblicitaria! (Come se ne vedono oramai ovunque, #greenwashing ndr). Ma poi mi sono detto, deve pur esserci qualcosa di diverso! … Continua a leggere Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...