La nuova tecnologia TENG – 100%GREEN

Annunci

Vi racconterò una breve storia.

C’era una volta, in un posto molto lontano una signora che si sentiva molto sola, era il 1878 in una fredda sera, quando qualcuno bussò alla sua porta. Quando lei aprì si trovò davanti un signore distinto, lui si presentò subito – è un vero piacere fare la sua conoscenza mylady, io sono Thomas Edison, ho inventato un oggetto molto interessante che credo che rivoluzionerà il mondo! – . Disse Edison felice come una pasqua. La signora guardava ancora quell’uomo incuriosita, voleva capire che cosa voleva da lei. Dopo pochi attimi di silenzio Mr Edison riprese, – Mylady, c’è solo un problema, non posso rivoluzionare il mondo da solo, la mia invenzione è ancora incompleta, ho bisogno del suo aiuto! – La triste signora che si sentiva sola non riusciva a capire, ed incredula rispose – Salve Mr Edison, mi fa davvero piacere che abbia bussato alla mia porta, nessuno lo fa da millenni. ma come posso io di grazia aiutarla nell’impresa? – , Mr Edison saltò su se stesso in preda alla frenesia del momento, – L’ho cercata tanto sa? – disse, – adesso che l’ho trovata possiamo completare insieme questa rivoluzione luminosa! -, – Luminosa? – disse la signora inarcando il sopracciglio destro. – si mylady ENERGIA, lei cambierà tutto…

E così i due cambiarono veramente il mondo, produssero lampadine, illuminarono le strade, erano felici insieme ed orgogliosi di tutto quello che stavano regalando al mondo. Ma Edison poi sfortunatamente morì e la lasciò sola. Sconsolata, Mylady Energia continuò ad illuminare sempre di più. Il mondo non era più un posto buio.

Ma gli esseri umani sapete, vogliono sempre di più. Così inventarono cose su cose, cellulari, laptop, torce generatori, centrali ecc… e lei si sentiva sempre più stanca. Non ce la faceva più a continuare così.

Annunci

E finalmente un giorno si decise, – basta! non ce la faccio più! devo chiedere aiuto. chiamerò mia sorella – .

Così si venne a sapere che mylady energia aveva una sorella, che energia non era il suo nome ma il suo cognome e che quindi anche la sorella era Energia.

Mylady energia chiamò la sorella e disse – ciao green, ho bisogno di aiuto, mi aiuterai?

La sorella green sorpresa dalla chiamata disse – ma certamente Inquinia, non vedevo l’ora che mi chiamassi, sono pronta! – . E così pian piano le sorelle collaborarono insieme, ma durò poco il momento di felicità… – Inquinia riposati, ci penso io! – , – ma… – rispose Inquinia, – tranquilla! riposati! hai fatto tanto fino adesso, pure troppo. adesso ci penso io. – .

Energia green s’impossessò di tutto, sostituì la sorella in quattro e quattrotto e la fece dichiarare incapace d’intendere e di volere. Sconsolata Energia Inquinia, invecchiò in un vecchio pozzo per l’estrazione del petrolio ormai in disuso, sola, come una colpevole qualunque.

Energia green regnò quindi incontrastata, avvelenando e uccidendo chiunque le capitasse a tiro con i velenosi scarti della sua energia malvagia, senza nessuna ragione.

Racconto liberamente ispirato da una storia vera. Aspetta non uscire, adesso comincia l’articolo vero!

Unisciti alla community dei DIFENSORI DELLA NATURA, li troverai non solo i nostri articoli freschi di giornata, ma anche tanti spunti di conversazione e riflessione tra i membri della community. Cosa aspetti? clicca su Difensori della Natura ed entra nel gruppo a tematiche ambientali più grande d’Italia! Ah, ovviamente segui anche le nostre pagine social:

Beh diciamo che mi sono divertito ad inventare una storiella come questa su due piedi, la verità è che spesso quello che accade realmente non è quello che la storia racconta ed è facile scambiare gli eroi per i cattivi e viceversa, (ho visto “the boys” di recente su Amazon Prime), l’unica cosa che può aiutarci è la nostra coscienza, il nostro spirito critico. Anche se a volte non basta.

Una cosa c’è di vero nella storia che vi ho raccontato e cioè che l’uomo con le sue invenzioni, con il progresso marciante a velocità sempre più sostenuta, fa aumentare il suo stesso bisogno d’energia.

E si, c’è chi dice che dovremmo essere responsabili, ed è vero dovremmo!

Ma consentitemi, il problema non sono io che tengo il termostato a 21°C d’inverno, il problema sono le fonti da cui questa energia è prodotta.

Quando il problema ecologico è saltato fuori come It il clown da una scatola alla festa di compleanno di un bambino, ci è stato detto che dovevamo noi essere responsabili, che siamo noi quelli che consumiamo l’energia e quindi siamo noi che inquiniamo il mondo. Lasciatemi dire quello che penso in maniera molto schietta e forse un po’ rude.

Ma vaffanculo, tu produci energia inquinando quando potresti farlo in maniera green rispettando il pianeta, e poi lo stronzo sono io che la utilizzo? non è che l’energia la trovo sotto un sasso camminando per il bosco! devo avere chi me la fornisce e chi me la fornisce sei tu. Quindi sei tu che inquini. Cambia il modo di produrre energia, perché il modo c’è e non venirmi a fare la paternale, quella la posso fare io a te. Perché sapete, non è che Gabriele + E** è meglio di E**, questo è da denuncia, è greenwashing.

Continui a perforare ed estrarre nel frattempo che dici a me cosa e come utilizzare l’energia?. Ma scherziamo? Questo fatto cancella ogni morale, etica e rispetto da parte tua per chi da sempre ti paga le bollette. Diventate seri porco petrolio! Prendere per il culo la gente e poi sperare di farla franca dimostra quanto piccola sia la considerazione che avete di noi che vi paghiamo per avere l’energia che ci serve, e questo fa veramente schifo.

Vorrei smetterla di divagare ed entrare nel merito dell’articolo di oggi, ma questa anche se lunga era una premessa importante.

importante perché è giusto che riflettiamo un attimo sulle infinite possibilità che il vero progresso e la vera scienza ci offrono, e sapete di scienziati che vogliono eliminare il carbon-fossile al mondo ce ne sono tanti, menomale! Il problema è sempre e solo stato un problema di business, chi dice altro mente.

Immaginate adesso che il vostro cellulare non si scarichi mai, che non ci sia bisogno di cambiare quelle noiose batterie del telecomando che ogni 6/7 mesi vogliono essere girate per funzionare per altri x mesi (sulle batterie del telecomando ci si potrebbe fare uno speciale, come mai basta una botta o una strofinata attentamente assestata alle pile per farle funzionare per altri secoli? io non ho mai cambiato le batterie del mio telecomando da quando ho comprato l’ultimo tv, quasi 3 anni fa…), potete immaginarlo? Certo che potete, sarebbe uno dei sogni nel cassetto di chiunque, non barate…

I ricercatori australiani guidati dalla Flinders University stanno raccogliendo la sfida di “scavenging” l’energia invisibile dalle vibrazioni a bassa frequenza nell’ambiente circostante, compreso il vento, l’aria o anche l’energia di separazione dei contatti (elettricità statica).

Sound cool! Andiamo avanti…

“Questi cosiddetti nanogeneratori triboelettrici (o TENG) possono essere realizzati a basso costo in diverse configurazioni, rendendoli adatti alla guida di piccoli dispositivi elettronici come l’elettronica personale (telefoni cellulari), dispositivi biomeccanici (pacemaker), sensori (temperatura / pressione / sostanze chimiche sensori) e altro “

professor Youhong Tang, del College of Science and Engineering della Flinders University.

“Possono utilizzare materiali non invasivi, quindi un giorno potrebbero essere utilizzati per scopi di raccolta di energia impiantabili e indossabili”

Mohammad Khorsand, co-autore principale di recenti articoli sulla rivista internazionale Nano Energy.

I ricercatori stanno attualmente lavorando nel tradurre questa tecnologia in pratica su larga scala, tradurre queste premesse in realtà vorrebbe dire fare un notevole balzo avanti. Voglio dire, non stiamo parlando di fantascienza! Questa tecnologia esiste, deve essere solo migliorata per essere pronta alle migliaia di utilissime applicazioni per cui si presta.

I ricercatori con i colleghi dell’Università della tecnologia di Sydney stanno lavorando per migliorare la generazione di energia dei TENG e immagazzinare l’energia generata su un supercondensatore o su una batteria.

“Siamo stati in grado di raccogliere efficacemente la potenza dal movimento di scorrimento e dal movimento rotatorio che sono disponibili in abbondanza nel nostro ambiente di vita”

professor Tang, del College of Science and Engineering della Flinders University.

Non passerà molto ancora prima di vedere ed utilizzare questa tecnologia per i nostri bisogni, si spera.

Tutto questo contorto articolo che spero abbiate seguito fino a qui per dire fondamentalmente due cose, la notizia della tecnologia TENG ovviamente e l’augurio che il nostro senso critico prevalga sempre, in qualsiasi situazione, perché è il nostro senso critico che ci tiene agganciati ai nostri valori.

Annunci

ULTIMI ARTICOLI

Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Cosa sarebbe Roma senza i suoi Pini? Quei Pini che hanno ispirato Ottorino Respighi nella composizione della sua opera che proprio ai Pini ha dedicato, “I Pini di Roma”. Quei Pini che il pittore Aleksander Gierymski ha immortalato nel suo quadro “I Pini di villa Borghese”. Ma perché parliamo oggi dei Pini di Roma? Noi … Continua a leggere Pini di Roma sotto attacco incrociato, chi li minaccia?

Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Proprio in un articolo molto recente ho già espresso i miei pensieri e le mie perplessità sul Ministero della Transizione Ecologica, come sempre in questi casi mi auguro di avere torto, perché intraprendere la strada giusta è nettamente più importante che alimentare l’ego dicendo: ho ragione io. Continuo ad augurarmi di avere torto, continuo a … Continua a leggere Dove punta la bussola del Ministero della Transizione Ecologica?

Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Leggendo le ultime sul redivivo ponte, mi viene in mente la canzone di Venditti che faceva: Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano… Antonello Venditti Si perché evidentemente c’è qualcuno davvero innamorato della possibilità di fare questo ponte per collegare la Sicilia alla Calabria. Sarà l’amore per le infrastrutture, sarà l’amore … Continua a leggere Quando ci si gioca il jolly, ma il jolly è il ponte sullo stretto

Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Sono sincero, quando ho saputo che il nuovo governo Draghi ha sostituito il ministero dell’ambiente con quello della transizione Ecologica non ero molto contento, pensavo: perché cambiare nome ad un ministero? Sarà solo una trovata pubblicitaria! (Come se ne vedono oramai ovunque, #greenwashing ndr). Ma poi mi sono detto, deve pur esserci qualcosa di diverso! … Continua a leggere Perché il Ministero della transizione Ecologica si occupa di IDROCARBURI?

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.

Annunci

One Reply to “La nuova tecnologia TENG – 100%GREEN”

  1. Sapete cos’è il transumanesimo? Sapete qual’è la differenza tra umanesimo e transumanesimo?

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...